Viaggio con Anita

Anno: 
1978
Pellicola: 
colore
Durata: 
115 min
Produzione: 
Alberto Grimaldi per P.E.A. (Roma) / Les Productions Artiste Associés (Paris)
Distribuzione: 
Titanus
Visto censura: 
72847
20/12/1978

Il soggetto di Fellini risale a circa vent'anni prima: scritto subito dopo il successo di Le notti di Cabiria, si troverà ad un passo dalla realizzazione, mancata per improvvisi dissidi in seno alla produzione. Parti della storia originale compariranno in opere successive del regista, prima fra tutte La dolce vita, mentre il film di Monicelli, con tutte le varianti apportate per "contemporaneizzare" il racconto, si discosterà sensibilmente dall'idea di partenza.

Guido Massaccesi, dirigente bancario romano, informato dalla sorella Oriana che il padre Armando è gravemente infermo, lascia la moglie Elisa con il figlio e parte in macchina per raggiungere Rosignano Solvay, paese natale. Deciso a compiere il viaggio in dolce compagnia, Guido si reca nell'appartamento di Jennifer, amante che non vede da mesi. Il netto rifiuto della stessa a seguirlo lo induce a prendere con sé Anita Watson, una ventisettenne americana, occasionalmente venuta a Roma per ritrovare un architetto italiano. La ragazza, tenuta all'oscuro da Guido sul vero motivo del viaggio, all'inizio reagisce capricciosamente alle prepotenze del compagno. Poi dopo un incidente stradale provocato dalla donna e una sosta ad Orbetello, i due legano maggiormente e compiono una capatina alla deserta Isola del Giglio. Giunti nei pressi di Rosignano Solvay dove nel frattempo il padre è spirato, assistito dalla moglie Adelina e dai figli Teo, Omero e Oriana, l'incosciente Guido scarica Anita presso una pensioncina per raggiungere la famiglia. Dopo aver fatta amicizia con la centralinista Sandra e dopo aver invano atteso delle spiegazioni sullo strano comportamento di Guido, Anita scopre casualmente la verità e lo raggiunge mentre il funerale sta per avviarsi al camposanto. L'arrivo dell'americana provoca uno scandalo del quale Guido si vendica rivelando la presenza di Noemi, una donna amante del defunto da 18 anni. La Watson rifiuta i tentativi di conciliazione con Guido e prosegue da sola alla volta di Pisa.

Cast tecnico

Regia: Mario Monicelli
Soggetto: Tullio Pinelli, Federico Fellini (non accreditato)
Sceneggiatura: Mario Monicelli, Leo Benvenuti, Piero De Bernardi, Tullio Pinelli, Paul Zimmermann
Fotografia: Tonino Delli Colli
Scenografia: Lorenzo Baraldi
Costumi: Vittorio Guaita
Arredamento: Massimo Tavazzi
Musica: Ennio Morricone
Montaggio: Ruggero Mastroianni
Aiuto regia: Francesco Laudadio

Cast

Giancarlo GIannini : Guido Massaccesi
Goldie Hawn : Anita Watson
Renzo Montagnani : Omero Massaccesi
Claudine Auger : Elisa Massaccesi
Laura Betti : Sandra
Andrea Ferréol : Noemi
Aurore Clément : Cora
Nunzia Fumo : la madre di Guido
Franca Tamantini : Oriana
Mario Pachi : sor Attilio
Gino Santercole : Tonino il camionista
Lorraine De Selle : Jennifer
Carlos De Carvalho